La Storia della Chiesa

 

La costruzione

La chiesa di Postioma è un elegante edificio settecentesco di elevata pregevolezza artistica.foto vecchiaLa costruzione fu promossa dall’ arciprete Domenico Maggion nel 1778, e avvenne sullo stesso sito dove si trovava una precedente chiesa, probabilmente di stile romanico, che i documenti dell’ Archivio Storico della Curia Vescovile di Treviso definiscono “antichissima”.

I lavori vennero completati nel 1795, anno in cui venne ultimata la facciata, progettata dai fratelli Piotto, capomastri della famiglia Emo. Per inciso questa nobile famiglia risiedeva in una armoniosa villa di fine Cinquecento, vicina alla chiesa: Villa Labia, da poco restaurata.
Già tre decenni prima (1765) era stato portato a termine il campanile, che tuttora si può ammirare a destra della chiesa; la copertura a cipolla della cella campanaria indiscutibilmente svela le simpatie filoaustriache dell’ arciprete Maggion. In quegli anni, mentre la Repubblica di Venezia stava languendo,  la scelta ideologico-politica era schierarsi o con i figli della rivoluzione francese (Napoleone) o con i più rassicuranti imperiali austriaci.

 

La storia delle opere

Nel 1817 l’ arciprete Giuseppe Monico, membro dell’ Ateneo Veneto, letterato, amico dell’ editore Giulio Trento e del giovane Canova, commissionò al celebre pittore G.B. Canal la decorazione interna ed esterna della chiesa. Il frescante veneziano vi dipinse in tale anno quattro grandi tele tratte dall’ Antico e da Nuovo testamento ed un importante “Gloria di S. Giorgio” sul soffitto.
ovaleDi spettacolare effetto tridimensionale sono i quattro ovali raffiguranti in monocromia le tre virtù teologali e la pazienza. Dello stesso artista, sempre in monocromia, sono i quattro riquadri con gli evangelisti.  Molto deteriorati risultano gli affreschi monocromi della facciata, raffiguranti il “Battesimo di Gesù”, sul timpano, ed i due apostoli, Pietro e Paolo, ai lati dell’ ingresso principale.
Il Canal affrescò il ciclo pittorico di Postioma quando ormai era vecchio e quasi cieco: infatti i personaggi raffigurati nelle varie scene comunicano una tensione ed uno struggimento dell’ anima davvero notevoli.

All’ interno della chiesa va registrata la presenza di un pregevole fonte battesimale, sicuramente anteriore al XVI secolo, e di due pale molto interessanti sugli altari laterali, rispettivamente una “Crocifissione” di Francesco Pisani (1761) e una “Fuga in Egitto” di Ermaolo Paletti (metà 800).
Di notevole importanza artistica è l’ altare maggiore settecentesco, in marmo policromo ed ornato di innumerevoli intarsi. Degni di nota gli stucchi dorati, che contornano gli affreschi e che vengono attribuiti a G. Borsato, amico fedele del Canal.